Osteosarcoma nel cane Pastore Tedesco: cause, diagnosi e cure

Cos’è l’osteosarcoma nel cane? L’osteosarcoma è un tumore maligno dell’osso. Questo cancro ha lo stesso aspetto dell’osteosarcoma pediatrico umano.

Gli osteosarcomi sono tumori che derivano dalla produzione anormale di cellule che creano e scompongono l’osso (chiamati rispettivamente osteoblasti e osteoclasti ).

Le ossa lunghe (braccia e gambe) sono le più comunemente colpite, sebbene possano essere colpite anche ossa come la mascella, i fianchi o il bacino. L’osteosarcoma può anche colpire i tessuti non ossei, comprese le ghiandole mammarie, la milza, il fegato e i reni.

Questo si chiama osteosarcoma extrascheletrico .

Osteosarcoma: cosa causa questo tipo di tumore?

Il motivo per cui un particolare animale domestico può sviluppare questo, o qualsiasi tumore o cancro, non è semplice. Pochissimi tumori e tumori hanno un’unica causa nota. La maggior parte sembra essere causata da una complessa combinazione di fattori di rischio, alcuni ambientali e alcuni genetici o ereditari.

L’osteosarcoma sembrano colpire i cani di taglia grande più comunemente rispetto alle razze di piccola taglia.

Le razze predisposte segnalate includono Boxer, Dobermann, Golden Retriever, Pastore Tedesco, Grande Danese, Cane da montagna dei Pirenei, Greyhound, Setter Irlandese, Levriero Irlandese, Labrador Retriever, Rottweiler, San Bernardo e Weimaraner.

Leggi anche: Frammentazione del processo coronoideo (FCP)

Quali sono i segni dell’osteosarcoma?

L’osteosarcoma nel cane è molto doloroso. Se il tuo cane ha un osteosarcoma dell’arto (osteosarcoma appendicolare), si possono notare zoppia o un gonfiore distinto.

Il tuo cane potrebbe essere più letargico, perdere l’appetito ed essere riluttante a camminare o giocare a causa del dolore causato dal tumore all’osso.

Se il tuo cane ha un osteosarcoma dell’arto, si possono notare zoppia o un gonfiore distinto.”

Le aree più comuni per gli osteosarcomi nei cani sono il radio/ulna (sopra il ginocchio anteriore) e la tibia/perone (sotto il ginocchio posteriore), ma può svilupparsi anche nelle zampe, nel femore (sopra il ginocchio posteriore) e nelle anche.

Questo tumore osseo non è mai presente nei cuccioli di pastore tedesco, e nonostante rappresenti il 75% delle neoplasie ossee, la fascia di età in cui si manifesta con maggiore frequenza è fra i 6 e gli 11 – 12 anni.

Come viene diagnosticato l’osteosarcoma?

osteosarcome cane

La maggior parte dei cani con osteosarcoma presenta zoppia di un arto.

Il gonfiore si nota di solito dove è cresciuto il tumore e l’area sarà calda al tatto a causa di un’enorme quantità di infiammazione.

Il tuo veterinario eseguirà i raggi X della regione.

Gli osteosarcomi appaiono litici (ovvero pezzi di osso mancanti) a causa della perdita del tessuto osseo normale.

Possono essere presenti fratture se l’osso è sufficientemente indebolito.

Una volta che si sospetta una lesione, una diagnosi più definitiva può essere ottenuta mediante aspirazione con ago sottile .

Ciò comporta il prelievo di un piccolo ago con una siringa e l’aspirazione di un campione di cellule direttamente dalla lesione e il loro posizionamento su un vetrino da microscopio.

Un patologo veterinario esamina quindi il vetrino al microscopio. Questo viene eseguito sotto sedazione.

Se questa procedura non è diagnostica, può essere giustificata una biopsia ossea.

Nella maggior parte dei casi, le lesioni ossee litiche rilevate ai raggi X sono indicative di un processo infettivo o maligno e sono sempre raccomandate ulteriori diagnosi.

Leggia anche: Displasia dell’anca e del gomito nel pastore tedesco: facciamo chiarezza

Come progredisce in genere questo tumore?

L’osteosarcoma nel cane è estremamente aggressivo. Al momento della diagnosi, circa il 90-95% dei cani presenterà micrometastasi, il che significa che le cellule tumorali si sono già diffuse altrove anche se non sono rilevabili.

Pertanto, la stadiazione (ricerca della potenziale diffusione in altre parti del corpo) è sempre raccomandata nei cani con osteosarcoma.

Ciò può includere analisi del sangue, analisi delle urine, raggi X dei polmoni e possibilmente un’ecografia addominale.

Se i linfonodi sono ingrossati o si sentono anormali, è possibile eseguire un ulteriore campionamento per determinare se è presente la diffusione.

Quali sono i trattamenti per osteosarcoma?

Senza evidenza di diffusione, l’obiettivo principale è il controllo locale del tumore. Ciò comporta tipicamente l’amputazione dell’arto colpito.

Sebbene questo sia inquietante per molti proprietari di cani, la maggior parte dei cani sta molto bene dopo l’intervento. La chirurgia è quasi sempre perseguita fintanto che è un’opzione sicura e praticabile.

La chirurgia è quasi sempre perseguita fintanto che è un’opzione sicura e praticabile.

La chemioterapia è quasi sempre perseguita dopo l’intervento chirurgico per aiutare a controllare la malattia il più a lungo possibile. Potrebbero essere disponibili anche altre opzioni di trattamento, comprese alcune forme di radioterapia.

Un adeguato controllo del dolore è della massima importanza: discutete la terapia pre e post-operatoria appropriata e i piani di gestione del dolore con il veterinario.

Leggi anche: La torsione gastrica nel cane (GDV)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *