Come tagliare le unghie al cane

Chiunque sia proprietario di una cane, sa benissimo che una delle mansioni più frequenti che è necessario espletare per mantenere in salute il proprio amico a 4 zampe è quella che riguarda il taglio delle unghie.

Spesso si pensa che tagliare le unghie al cane sia un’operazione facile e mai necessaria, ma non è così.

Innanzitutto, è bene specificare che il processo di consumo delle unghie del cane è naturale e assolutamente automatico quando l’animale vive in natura.

Il problema si pone piuttosto per i cani che vivono in appartamento dove l’inevitabile e fisiologica usura delle unghie viene a mancare e si rivela necessario l’intervento umano.

Una mancata regolazione delle unghie del cane, infatti, porta spesso a conseguenze molto gravi e dolorose per l’animale come possibili zoppie; è importante, dunque, procedere con un controllo a cadenza periodica della ricrescita delle unghie e alla successiva procedura di taglio.

Tagliare le unghie ad un cane è un’operazione concretamente semplice, ma richiede una particolare affinità con l’animale che può facilmente sentirsi minacciato o provare fastidio.

Tagliare le unghie del cane: come si procede

Lo strumento più utilizzato per tagliare le unghie del cane è costituito dalle cosiddette “tronchesine”, delle quali esistono vari tipi in commercio.

Per acquistare le tronchesine che più si addicono ad ogni singolo caso, è bene considerare sia la stazza del cane sia la dimensione generale delle unghie.

Esistono, infatti, tronchesine con lame più o meno spesse, diversi tipi di impugnatura e forme più o meno ergonomiche.

Quando si utilizzano le tronchesine, la cosa fondamentale è imparare a capire dove fermarsi per evitare di causare dolori e possibili sanguinamenti alla zampa.

La struttura basilare dell’unghia del cane è molto simile a quella dell’essere umano; abbiamo il corpo ungueale (la parte in assoluto più delicata), che non va mai toccato con strumenti che possano ferirlo e il cosiddetto margine libero, la parte bianca dell’unghia che, al contrario, può essere tagliata per evitare che si inarchi creando problemi al cane.

I cani che presentano unghie particolarmente chiare, non richiedono particolare attenzione in quanto è facile capire ad una prima occhiata la differenza tra letto ungueale e margine libero.

Per i cani con le unghie più scure, il discorso si fa più complesso, perché la differenza tra i due segmenti dell’unghia non è così chiara e si rischia di tagliare oltre il margine consigliato.

In un caso come questo è sempre meglio rivolgersi ad un veterinario o ad un toelettatore per cani esperto che possa farci vedere qual è la tecnica più giusta da applicare per tagliare le unghie al cane in totale sicurezza.

Tra gli altri strumenti che è possibile utilizzare per la corretta toelettatura delle unghie del cane troviamo la limetta e la polvere emostatica.

La limetta per cani serve per rendere più lisce e smussate le unghie del cane e viene regolarmente utilizzata durante il taglio delle unghie, mentre la seconda viene impiegata solo in caso di ferimento accidentale per evitare il rischio di sanguinamento eccessivo.

Tagliare le unghie al proprio cane è un’operazione che richiede tempo e va fatta con la più assoluta calma e tranquillità, in modo da mettere a proprio agio anche l’animale.

Quando si procede con la regolazione delle unghie, è importante prendere in considerazione anche l’unghia dello sperone; se non tagliata regolarmente, infatti, quest’ultima può incurvarsi su se stessa fino a penetrare nella carne e causare una dolorosa infezione.

Può arrivare ad incurvarsi su se stessa al punto di entrare nella carne e provocare infezione.

Un mancato controllo delle unghie nel cane può portare dolore e fastidio per cui il nostro amico tende a diminuire il movimento con un conseguente rischio di maggiore obesità.

Tagliare le unghie del cane: perché farlo e quanto costa?

Oltre alle motivazione già riportate in precedenza nell’articolo, c’è da considerare il fatto che un cane sano ha sempre unghie curate e altrettanto sane.

Zampe con unghie troppo lunghe, spezzate o non accuratamente regolate, possono causare infezioni, dolori durante il movimento e, nei casi più gravi, dei veri e propri mutamenti nella postura e nell’andamento del cane.

Nel caso si preferisca non procedere da soli al taglio delle unghie del cane, è possibile rivolgersi ad un toelettatore esperto che saprà come prendersi cura del vostro amico a 4 zampre in totale sicurezza e per una spesa irrisoria (solitamente, tagliare le unghie del cane in un centro di toelettatura specializzato costa circa 5 euro).