Malattia di von Willebrand nel Pastore Tedesco: cause, cure e trattamenti

La malattia di Von Willebrand (vWD) o emofilia vascolare è il disturbo ereditario più comune dell’emostasi sia nell’uomo che nei cani. È dovuto a una carenza o anomalia nel fattore di von Willebrand (vWf), un disfunzione genetica autosomica recessiva.

Le piastrine svolgono un ruolo vitale nel processo di coagulazione del sangue.

Perché è così importante? Se un cane ha una ferita o una ferita, le piastrine aiutano a fermare il sanguinamento e accelerano il processo di guarigione coagulando nel sito della lesione.

Quando un cane ha troppe piastrine, ferite e lesioni possono essere davvero pericolose perché potrebbe non smettere di sanguinare e perdere molto sangue in eccesso.

C’è un nome per questo: la malattia di von Willebrand (vWD), che è un disturbo nei cani che è caratterizzato da sanguinamento eccessivo a causa di un difetto nella funzione piastrinica.

La sindrome di von Willebrand è una patologia ereditaria che viene trasmessa dai genitori ai cuccioli in modo piuttosto complicato.

Colpisce sia i maschi che le femmine allo stesso modo, e mentre ogni razza può avere la vWD, ci sono diverse razze che sono a maggior rischio:

  • Dobermann Pinscher
  • Cane pastore delle Shetland
  • Zwergschnauzer (Schnauzer nano)
  • Golden Retriever
  • Rottweiler
  • Pastore Tedesco
  • Barboncino
  • Deutsch Kurzhaar

La gravità della malattia varia da cane a cane ed è di grande preoccupazione se un cane è ferito o necessita di un intervento chirurgico.

La malattia di Von Willebrand è ereditata come tratto autosomico ed è classificata in tre tipi in base alla quantità e alla composizione multimerica della molecola (Tipo I, Tipo II e Tipo III).

Test genetici per vWD tipo I

I test genetici del gene VWF determineranno in modo affidabile se un cane è un portatore genetico  della malattia di von Willebrand I.

La malattia di Von Willebrand I è ereditata in modo autosomico recessivo nei cani, il che significa che devono ricevere due copie del gene mutato (uno da ciascuno genitore) per sviluppare la malattia.

In generale, i cani portatori raramente presentano caratteristiche della malattia (portatori sani) ma quando vengono accoppiati con un altro portatore della stessa mutazione, esiste il rischio di trasmissione sui cuccioli.

Ogni cucciolo che nasce da questo accoppiamento ha una probabilità del 25% di ereditare la malattia e una probabilità del 50% di ereditare una copia ed essere portatore della mutazione del gene VWF. 

I test genetici per gli allevatori sono importanti per determinare le scelte riproduttive in allevamento. Poiché i sintomi possono essere lievi nei cani affetti, i test genetici devono essere eseguiti prima della riproduzione.

Al fine di eliminare questa mutazione dalle linee riproduttive ed evitare di far nascere cuccioli di pastore tedesco portatori o affetti, si sconsiglia l’allevamento di portatori sani tra loro. I cani che non sono portatori della mutazione non possono trasmettere la malattia.

La vWD Tipo I viene trasmessa come tratto dominante autosomico recessivo. Ciò significa che un cane geneticamente sano (omozigote) non svilupperà mai il disturbo vWD e non lo passerà alla sua prole.

I cani portatori che portano una copia del gene anormale e un’altra copia normale (eterozigote) avranno tendenza al sanguinamento.

Questi cani portatori trasmettono il gene mutato alla loro prole con una probabilità del 50%, il tratto è chiamato dominio incompleto perché i cani portatori potrebbero non sviluppare affatto il disturbo ma passeranno comunque il gene alla loro prole.

Poiché è molto raro che i soggetti portatori mostrino sintomi di vWD, questa condizione è trattata appunto come ereditarietà autosomia recessiva.

Trasmissione autosomica recessiva malattie ereditarie

Clear (genotipo: N / N): omozigote recessivo

Il cane non è portatore del gene mutante. È molto improbabile che il cane sviluppi la malattia di von Willebrand di tipo I (vWD I). Il cane non passerà mai la mutazione alla sua prole, e quindi può essere accoppiato con qualsiasi altro soggetto.

Carrier (portatore N / vWD): eterozigote

Il cane porta una copia del gene mutante e una copia del gene normale.

È molto improbabile che il cane sviluppi la malattia di von Willebrand di tipo I (vWD I) e se lo farà sarà in una forma lieve. Poiché trasporta il gene mutante, può trasmetterlo alla sua prole con una probabilità del 50%.

Affected (genotipo: vWD / vWD): omozigote dominante

Il cane trasporta due copie del gene mutante e quindi passerà il gene mutante a tutta la sua progenie. È probabile che il cane sviluppi la malattia di von Willebrand di tipo I (vWD I) e trasmetterà il gene mutante a tutta la sua progenie.

Sintomi della malattia di von Willebrand

Molto spesso, la vWD viene diagnosticata come parte di uno screening del sangue pre-chirurgico o di routine, specialmente per le razze a rischio.

I sintomi includono uno dei seguenti:

  • emorragia prolungata dopo una lesione
  • emorragia dalle gengive o dal naso
  • urina sanguinante
  • emorragia eccessiva durante o dopo l’intervento chirurgico
  • sangue nelle feci
  • lividi della pelle

Diagnosi della malattia di von Willebrand

Sono necessari test specializzati per diagnosticare la vWD; in particolare, il veterinario può raccomandare questi test come parte di uno screening preanestetico se il cane è considerato a rischio.

Se il cane mostra sintomi, possono essere raccomandati altri test diagnostici per escludere altre malattie e valutare la salute generale del cane.

Il veterinario eseguirà anche un esame fisico approfondito e farà una storia dettagliata delle attività del tuo cane.

I test diagnostici per vWD potrebbero includere:

  • misurazione del fattore di von Willebrand (questo esame del sangue viene talvolta ripetuto poiché i livelli possono variare di giorno in giorno)
  • test specifici che misurano la capacità di coagulazione
  • tempo di sanguinamento della mucosa orale (BMBT), che misura la capacità del tuo cane di formare un piccolo coagulo
  • test di chimica per valutare la funzionalità renale, epatica e pancreatica, nonché i livelli di zucchero
  • test anticorpali per identificare se il tuo animale domestico è stato esposto a malattie trasmesse da zecche o altre malattie infettive
  • emocromo completo (CBC) per escludere condizioni correlate al sangue
  • test degli elettroliti per assicurarsi che il cane non sia disidratato o che non abbia uno squilibrio elettrolitico
  • test delle urine per verificare l’infezione del tratto urinario e altre malattie e valutare la capacità dei reni di concentrare l’urina
  • test della tiroide per determinare se la ghiandola tiroidea produce troppo poco ormone tiroideo

Trattamento della malattia di von Willebrand

Molti cani con vWD in realtà non hanno bisogno di cure a meno che non sia pianificato un intervento chirurgico o si feriscano gravemente e perdano molto sangue.

Quando è necessario un trattamento, può includere:

  • prodotti ematici sostitutivi, se il cane ha perso una quantità significativa di sangue o sono necessari fattori di coagulazione supplementari
  • trasfusioni di sangue, se esiste una corrispondenza tra il cane e un donatore
  • farmaci che aumentano temporaneamente il fattore di von Willebrand
  • altri farmaci o trattamenti specifici per le esigenze individuali del tuo cane

Prevenzione della malattia di von Willebrand

Sfortunatamente, la VWD è una malattia ereditaria, quindi non esiste prevenzione o cura.

La buona notizia è che molti cani con vWD vivono una vita lunga e sana. È importante osservare attentamente i sintomi del cane e prevenire urti e contusioni non necessari per proteggerla.

Se il tuo cane ha questa malattia, assicurati di dirlo al veterinario, specialmente se il tuo cane deve eseguire un’intervento chirurgico o dentale.