Il megaesofago non è una singola malattia: viene considerato un disturbo combinato in cui l’esofago (il tubo che trasporta il cibo e il liquido tra la bocca e lo stomaco) si dilata (si ingrandisce) e perde la motilità (la sua capacità di spostare il cibo nello stomaco).

Quando la motilità esofagea è ridotta o assente, cibo e liquidi si accumulano nell’esofago del cane e hanno difficoltà a entrare nello stomaco.

Quando l’esofago funziona normalmente, il cibo in bocca stimola i nervi che inviano segnali al centro di deglutizione nel tronco cerebrale che a sua volta stimola il riflesso della deglutizione.

Ci sono diversi punti chiave lungo le varie vie nervose in cui un malfunzionamento può causare il megaesofago. Il rigurgito è il segno più comune del megaesofago.

Leggi anche: Pancreatite nel cane: cause, sintomi e cure

Rigurgito e vomito sono la stessa cosa?

Il rigurgito e il vomito sono due situazioni diverse, ma spesso viene fatta confusione.

Quando un cane ha la nausea, si solleverà, vomiterà mentre il contenuto dello stomaco viene espulso: in questi casi il cane può anche sbavare o leccarsi le labbra prima di vomitare indicando nausea.

Tuttavia, il rigurgito è un processo passivo: il cibo e l’acqua scivolano nell’esofago e con l’aiuto della gravità vengono rilasciati di nuovo.

Non c’è mai vomito prima del rigurgito ed il megaesofago è la causa più comune di rigurgito nei cani e nei gatti.

Leggi anche: Tracheite canina: cause, sintomi e cure

Quali razze sviluppano il megaesofago?

Il megaesofago è più comune nei cani che nei gatti.

È stato dimostrato che è ereditario nei Fox Terrier a pelo duro e negli Schnauzer nani, ma anche altre razze possono essere predisposte al megaesofago, vediamo quali possono essere predisposte:

  • Pastore Tedesco
  • Terranova
  • Alano
  • Setter Irlandese
  • Shar Pei
  • Levriero
  • Labrador Retriever

Quanti tipi di megaesofago esistono?

  • Il megaesofago congenito: il cucciolo nasce con questa condizione ed è evolutiva, causando rigurgito a partire dallo svezzamento quando i cuccioli di pastore tedesco iniziano a mangiare cibo solido.
  • Il megaesofago acquisito: che si verifica più tardi nella vita, nei giovani adulti e negli animali di mezza età.

Come viene diagnosticato il megaesofago nel Pastore tedesco?

I pastori tedeschi con megaesofago in genere rigurgitano cibo e acqua: poiché il loro cibo non entra nello stomaco per essere digerito, questi soggetti non crescono bene (se giovani) e perdono peso se sviluppano un megaesofago acquisito da adulti.

Possono avere iper-salivazione e “gorgogliare” quando deglutiscono: in alcuni individui, puoi effettivamente si può notare un rigonfiamento dell’esofago alla base del collo e se quella zona viene toccata il cane sente dolore..

Ulteriori sintomi del megaesofago possono includere:

  • alito cattivo
  • segni di polmonite da aspirazione di cibo e / o liquidi, tra cui:
    • febbre
    • respirazione rapida
    • suoni polmonari anormali
  • debolezza muscolare e deperimento per fame lenta

Quali sono le cause del megaesofago?

In molti casi di megaesofago, la causa precisa non è mai completamente compresa: il megaesofago acquisito congenito e primario negli adulti rientra in questa categoria.

Alcune forme di megaesofago acquisito si verificano secondariamente a un’altra malattia o condizione, tra cui:

  • danni tra i nervi e i muscoli dell’esofago (per esmepio la Miastenia gravis)
  • degenerazione o trauma nel cervello o nel midollo spinale
  • blocco dell’esofago da parte di un corpo estraneo, un tumore o un tessuto cicatriziale
  • grave infiammazione dell’esofago
  • malattia ormonale (ipotiroidismo o ipoadrenocorticismo, noto anche come morbo di Addison)
  • esposizione a una tossina

Esistono test diagnostici per il megaesofago?

Generalmente, la dilatazione dell’esofago può essere vista sulle radiografie (raggi X). La trachea è spesso spostata dal cibo, dal fluido e dal gas accumulati nell’esofago.

Se le radiografie semplici non forniscono indicazioni chiare, può essere utilizzato un mezzo di contrasto come il bario per una migliore visualizzazione dell’esofago.

Sebbene non ci siano esami del sangue specifici per il megaesofago, i test diagnostici possono scoprire la causa sottostante, se ce n’è una.

Uno screening del sangue che dovrebbe essere eseguito in un pastore tedesco con megaesofago, corrispone al test per la Miastenia gravis, un’incapacità dei nervi e dei muscoli di comunicare.

Altri test che possono essere presi in considerazione includono fluoroscopia o endoscopia per esaminare visivamente l’interno dell’esofago, test elettrici per valutare la connessione nervo-muscolo, una biopsia nervo-muscolo o la valutazione del liquido cerebrospinale che circonda il cervello e il midollo spinale.

Leggi anche: La torsione gastrica nel cane (GDV)

Come viene trattato il megaesofago?

Il trattamento del megaesofago dipende dalla causa sottostante, se presente, così come dal trattamento di eventuali condizioni associate come la polmonite da aspirazione.

Il trattamento generale si concentra sulla gestione dei sintomi prevenendo il rigurgito e consentendo al cibo di muoversi attraverso il tratto gastrointestinale per essere digerito.

I pastori tedeschi con megaesofago hanno spesso bisogno di un alimento ipercalorico e la necessaria consistenza del cibo dipenderà dal paziente e da ciò che porta a un’alimentazione corretta.

Una pappa frullata può ridurre il rigurgito, ma può comportare un aumento del rischio di aspirazione (inalandola nei polmoni). Il cibo umido può effettivamente stimolare una sufficiente motilità esofagea per trasportare il cibo nello stomaco.

Un’opzione potrebbe essere quella di usare una sedia Bailey, che è appositamente progettata per sostenere il cane nella posizione corretta.

L’animale deve essere alimentato in posizione eretta a circa 45-90 ° rispetto al pavimento. Questa posizione dovrebbe essere mantenuta per almeno 10-15 minuti dopo l’alimentazione.

I soggetti con rigurgito estremo per i quali l’alimentazione eretta non funziona bene potrebbero aver bisogno di un tubo di alimentazione inserito nello stomaco.

I tubi dello stomaco sono molto ben tollerati e aggirano completamente le difficoltà associate al megaesofago. La più importante complicanza in corso per i pazienti con megaesofago è il rischio di polmonite da aspirazione.

Leggi anche: Pastore tedesco mangia i sassi: perché e come farlo smettere

Qual è la prospettiva di vita?

Sfortunatamente, con o senza trattamento, la maggior parte degli animali con megaesofago ha una prognosi sfavorevole. Il potenziale di complicazioni è piuttosto alto.

La malnutrizione e la polmonite da aspirazione sono le principali cause di morte. Se il megaesofago è causato da un guasto del sistema nervoso, c’è il rischio che si sviluppino altri problemi neurologici.

Il trattamento efficace delle condizioni sottostanti può effettivamente migliorare la funzione esofagea. Pertanto, una diagnosi più completa possibile porterà ai migliori risultati.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *