Pancreatite nel Pastore Tedesco: cause, sintomi e cure

Che cos’è la pancreatite nel cane? Il pancreas è un organo vitale che si trova sul lato destro dell’addome adiacente allo stomaco.

Il pancreas produce enzimi per aiutare la digestione degli alimenti e ormoni come l’insulina, che regola lo zucchero nel sangue o il metabolismo del glucosio.

Gli enzimi digestivi vengono secreti nell’intestino tenue e gli ormoni entrano nel flusso sanguigno.

Quando il pancreas si infiamma, la condizione si chiama pancreatite. Questa patologia si verifica comunemente nel cane. Non vi è alcuna predisposizione per età, sesso o razza. La pancreatite può essere acuta o cronica.

La pancreatite acuta può assumere una forma lieve, edematosa o una forma più grave, emorragica.

L’infiammazione associata consente agli enzimi digestivi dal pancreas di riversarsi nella cavità addominale con conseguente danno secondario al fegato, ai dotti biliari, alla cistifellea e all’intestino.

Alcuni cani che si riprendono da un episodio acuto di pancreatite possono continuare ad avere attacchi ricorrenti della malattia, che viene quindi chiamata pancreatite cronica o recidivante.

Quali sono le cause della pancreatite nel cane?

Normalmente, gli enzimi pancreatici sono prodotti in uno stato inattivo e viaggiano attraverso il dotto pancreatico fino al duodeno, parte dell’intestino tenue.

Una volta che raggiungono l’intestino tenue, vengono attivati ​​per iniziare la digestione. Con la pancreatite, questi enzimi vengono attivati ​​prematuramente nel pancreas anziché successivamente nell’intestino tenue.

Pensa a questo come se una capsula a rilascio di tempo che esplode improvvisamente prima di raggiungere l’obiettivo previsto; in questo caso, gli enzimi pancreatici iniziano a digerire prima che dovrebbero.

Ciò si traduce in digestione del pancreas stesso. I segni clinici della pancreatite nel cane sono spesso variabili e l’intensità della malattia dipenderà dalla quantità di enzimi che sono stati prematuramente attivati.

La pancreatite può essere scatenata in alcuni casi da un pasto grasso o dalla somministrazione di corticosteroidi.

La causa esatta della pancreatite non è nota, sebbene in alcuni casi possa essere scatenata da alimenti troppo grassi o dalla somministrazione di corticosteroidi. Tuttavia, in molti casi sembra accadere spontaneamente.

Quali sono i segni clinici della pancreatite?

I segni clinici più comuni includono nausea, vomito, febbre, letargia, dolore addominale, diarrea e riduzione dell’appetito.

Durante un attacco, i cani possono assumere una “posizione di preghiera”, con la parte posteriore sollevata in aria mentre le zampe anteriori e la testa sono abbassate sul pavimento.

Se l’attacco è grave, possono verificarsi shock acuti, depressione grave e persino la morte.

Come viene diagnosticata la pancreatite?

I test di laboratorio di solito rivelano un elevato numero di globuli bianchi; tuttavia, un numero elevato di globuli bianchi può essere causato anche da molte altre malattie oltre alla pancreatite.

L’aumento degli enzimi pancreatici nel sangue è probabilmente il criterio più utile per rilevare la malattia del pancreas, ma alcuni cani con pancreatite avranno livelli normali di enzimi.

Negli ultimi anni è diventato disponibile un nuovo test pancreatico in grado di diagnosticare con precisione la pancreatite, anche se gli enzimi pancreatici sono normali.

Le radiografie possono mostrare cambiamenti associati all’infiammazione, specialmente nella forma emorragica grave.

Gli studi ecografici spesso forniscono una diagnosi di infiammazione del pancreas o peritonite locale causata da questa condizione.

Sfortunatamente, alcuni cani con pancreatite, in particolare la pancreatite cronica, sfuggiranno al rilevamento con molti di questi test.

La diagnosi di pancreatite può essere provvisoria o presuntiva in alcuni casi.

Di conseguenza, la diagnosi di pancreatite può essere provvisoria o presuntiva in alcuni casi e basata esclusivamente su segni clinici e anamnesi.

Come viene trattata la pancreatite?

La gestione efficace della pancreatite nel cane dipenderà dalla diagnosi precoce e dalla pronta terapia medica.

Con pancreatite lieve ed edematosa, il trattamento è di supporto, “riposando” il pancreas e permettendo al corpo di guarire se stesso.

I cani che vomitano devono essere a digiuno fino a quando il vomito non si attenua. Il cibo può essere trattenuto dai pazienti per alcuni giorni se necessario. I cani che non vomitano possono ricevere una dieta povera di grassi e altamente digeribile durante il recupero.

Verranno somministrati analgesici per controllare il dolore e i liquidi per via endovenosa.

Verranno somministrati analgesici per controllare il dolore intenso e verranno somministrati liquidi per via endovenosa per mantenere il normale equilibrio di liquidi ed elettroliti.

Molti casi richiedono anche farmaci antinfiammatori o farmaci per controllare il vomito o la diarrea. Gli antibiotici verranno somministrati se si sospetta un’infezione concomitante.

La maggior parte dei cani con pancreatite viene ricoverata in ospedale per 2-4 giorni, mentre vengono somministrati liquidi e farmaci per via endovenosa e il cibo viene gradualmente reintrodotto.

Con grave pancreatite emorragica o se il cane mostra segni di shock sistemico, terapia intensiva con dosi aggressive di liquidi per via endovenosa e farmaci per contrastare lo shock.

Qual è la prognosi della pancreatite?

La prognosi dipende dalla gravità della malattia quando diagnosticata e dalla risposta alla terapia iniziale. I cani che presentano shock e depressione hanno una prognosi molto protetta.

La maggior parte delle forme lievi di pancreatite ha una buona prognosi con un trattamento aggressivo. I cani non trattati possono progredire nella forma emorragica e subire gravi conseguenze, inclusa la morte improvvisa.

Ci saranno problemi a lungo termine?

La maggior parte dei cani guarisce senza conseguenze a lungo termine.

Tuttavia, con episodi gravi o ripetuti di pancreatite, possono svilupparsi uno o più dei seguenti problemi:

  • Se un numero significativo di cellule che producono enzimi digestivi viene distrutto, può seguire una mancanza di corretta digestione degli alimenti. Questa è nota come insufficienza pancreatica esocrina (EPI) e può essere trattata con la somministrazione giornaliera di una polvere sostitutiva enzimatica.
  • Se un numero significativo di cellule che producono insulina viene distrutto, può derivarne il diabete mellito.
  • In rari casi, possono verificarsi dolorose aderenze tra gli organi addominali a seguito della pancreatite.

I cani con pancreatite cronica hanno maggiori probabilità di sviluppare le condizioni secondarie sopra elencate. La gestione di queste condizioni è un fattore molto importante per il successo del trattamento.