Olio di pesce e olio di semi di lino: differenze e benefici

Olio di semi di lino e olio di pesce: gli acidi grassi omega 3 e omega 6 sono molto importante per la salute del nostro cane, in quanto il suo organismo non riesce a produrli se non attraverso un tipo di alimentazione naturale fin da cucciolo.

I cani che consumano carni con parti grasse assumono omega 6 a sufficienza, quindi bisognerebbe solo integrare la loro alimentazione con oli ad alto contenuto di omega 3.

L’olio di pesce, olio di canapa e l’olio di semi di lino contengono il più alto livello di acidi grassi omega 3.

Questo olio è derivato dai semi della pianta di lino ed è stato proposto come alternativa agli integratori di olio di pesce che hanno un forte odore.

Contiene livelli più alti di acido alfa-linolenico (ALA) rispetto all’olio di pesce e contiene anche acidi grassi omega-6.

L’ALA è un acido grasso omega-3 che alla fine viene convertito in acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) in alcune specie animali.

L’EPA e il DHA sono di notevole beneficio nella gestione dei disturbi infiammatori e immunitari cronici.

Questi oli quando agiscono sulla cicloossigenasi, danno origine a prostaglandine della serie 3, che si distinguono per i loro effetti antinfiammatori.

Perché dare olio di semi di lino al cane

Come l’olio di pesce, anche questo olio è usato per trattare i disturbi infiammatori cronici.

L’olio di pesce è una fonte diretta di EPA e DHA mentre l’ALA contenuto nell’olio di semi di lino deve essere convertito in DHA ed EPA.

Tuttavia, molte specie di animali (probabilmente compresi cani e gatti) e alcune persone non sono in grado di convertire in modo efficiente l’ALA in acidi grassi omega-3 non infiammatori più attivi (EPA e DHA).

Gli effetti antinfiammatori sono più lievi rispetto a quelli dell’olio di pesce.

I semi di lino macinati possono anche essere usati come fonte dietetica di fibre, un effetto non correlato ai suoi effetti anti-infiammatori. L’aumento delle fibre solubili nella dieta può aiutare a contrastare le tendenze alla costipazione.

L’olio di semi di lino è stato usato per anni per mantenere cute e pelo sani nel cane. Una carenza di acidi grassi nel cane porta spesso a prurito e un pelo poco lucente.

Tuttavia negli studi di ricerca in corso, sembra meno efficace dell’olio di pesce nel trattamento dell’infiammazione associata a malattie come allergie, artrite, malattie renali e malattie cardiache.

In natura i cani selvatici non hanno bisogno di integrazione di acidi grassi in quanto hanno un’alimentazione di alta qualità.

La carne di animali allevati in libertà ha un valore fino a 20 volte più alto di acidi grassi omega 3 rispetto alla carne da allevamento intensivo.

Cani e gatti sono gli animali più comunemente trattati con olio di semi di lino, ed è anche usato come integratore nell’alimentazione di pollame e maiali.

Quali sono i suoi benefici?

Può essere utile per migliorare le condizioni della pelle e del pelo nei cuccioli di pastore tedesco a pelo lungo e nei cani anziani.

Nella misura in cui sono in grado di metabolizzare l’ALA in EPA e DHA, alcuni animali domestici con allergie lievi o artrite possono anche mostrare miglioramenti.

Questo olio aiuta a ridurre le tendenze al parassitismo intestinale e aiutare a prevenire la costipazione.

La tossicità non è stata segnalata. Alcuni animali svilupperanno la seborrea oleosa, caratterizzata da grandi fiocchi di forfora e un mantello oleoso, in risposta ad alti livelli di integrazione di acidi grassi.

In questi casi, gli integratori dovrebbero essere somministrati a livelli più bassi.

L’olio di semi di lino dovrebbe essere refrigerato per prevenire la rancidità e macinato ha una gradevole appetibilità.

Dove si può trovare ?

Sicuramente l’acquisto in erboristeria è una maggiore sicurezza. Questo integratore e i semi di lino macinati sono molto inclini alla rancidità se confezionati o conservati in modo errato e una volta aperti hanno una durata molto breve.

Un’altro ottimo integratore è l’olio di borragine con un alto livello di acido gamma-linolenico (GLA), utile per ridurre la pressione e ridurre lo sviluppo abnorme di cellule tumorose.

Importante: quando si utilizzano questi oli come integratori andrebbe somministrata anche vitamina E per evitare l’irrancidimento degli acidi grassi nel corpo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *