Alimentazione casalinga del pastore tedesco

L’alimentazione è uno degli aspetti che contribuisce maggiormente ad un’adeguata crescita del pastore tedesco, a prescindere si tratti di un cucciolo o di un esemplare adulto. Naturalmente, bisogna tener presente come, in base all’età, i bisogni alimentari del nostro cane variano sensibilmente; di conseguenza, bisogna prestare grande attenzione all’alimentazione del pastore tedesco, cercando di garantire una dieta equilibrata. In questo articolo vedremo come impostare correttamente l’alimentazione casalinga del pastore tedesco, con particolare riguardo per i cibi potenzialmente nocivi e, quindi, da evitare.

L’alimentazione del pastore tedesco cucciolo

I primi mesi di vita sono certamente i più delicati per un esemplare di pastore tedesco; in questa fase di rapido sviluppo fisico, l’animale deve poter seguire una dieta adeguata alle proprie esigenze ed al fabbisogno nutrizionale. Il primo passaggio critico è rappresentato dallo svezzamento, durante il quale il cucciolo comincia ad assumere cibi solidi. Poiché ciò avviene abbastanza presto (tra la terza e la quarta settimana di vita), ad occuparsene sono gli allevatori professionisti, in grado di gestire la transizione in maniera graduale. Ragion per cui, è consigliabile rivolgersi direttamente a loro, per chiedere quale prodotto abbiano utilizzato, così che il cucciolo non incorra in problemi di adattamento. Il periodo compreso tra i 2 e 12 mesi di vita dell’esemplare sono determinanti per lo sviluppo della struttura ossea; la dieta rappresenta un fattore determinante per la crescita post-svezzamento e necessita di specifici accorgimenti.

In questa fase, il piccolo ha bisogno di mangiare regolarmente (4 volte al giorno); dai 4 ai 6 mesi, i pasti quotidiani devono essere ridotti e tre; dopo i sei mesi di vita, sono sufficienti due al giorno.

Potrebbe anche interessarti: Alimentazione del cucciolo di pastore tedesco

L’alimentazione del pastore tedesco adulto

Alimentazione del pastore tedesco adulto

Alimentazione del pastore tedesco adulto

Una volta completato lo svezzamento, la dieta del pastore tedesco deve rispettare un regime ben equilibrato, in grado tanto di soddisfarne il fabbisogno energetico quanto di prevenire problemi di salute o l’insorgere di patologie di vario genere.

Ragion per cui, è bene che l’alimentazione casalinga del pastore tedesco sia priva di potenzialmente tossici o nocivi. Il rischio principale del ‘fai da te’, infatti, è proprio questo: somministrare al cane alimenti che non è in grado di digerire o, peggio, che possono metterne a repentaglio la salute. È necessario, quindi, sapere quali sono i nutrienti di cui ha bisogno e quali sono i cibi da evitare.

Anzitutto, è bene precisare come i cani da pastore tedesco siano esseri carnivori (come la maggior parte degli animali di razza canina); di conseguenza, carne e pesce non possono mancare all’interno di una dieta bilanciata, in quanto soddisfano il fabbisogno di proteine; lo stesso dicasi per le frattaglie e le uova, guscio compreso (contengono calcio, indispensabile per lo sviluppo dello scheletro). Anche i grassi, sia di origine animale che vegetale, sono un elemento indispensabile – per via dell’apporto calorico – così come gli Omega 3 e gli Omega 6, per la salute delle cellule cutanee.

Per somministrare al nostro pastore tedesco tutti i nutrienti di cui ha bisogno, possiamo preparare carne, pesce, verdure e uova ridotti in pezzi e bolliti; quando si prepara un pasto casalingo per un pastore tedesco, bisogna evitare il sale e aggiungere riso soffiato o pasta per cani per integrare i carboidrati necessari (è consigliabile una cottura prolungata, per rendere gli amidi più digeribili). Su consulto di un medico veterinario, è possibile aggiungere vitamine e sali minerali, per controllare l’equilibrio delle funzioni vitali.

Leggi anche: Croccantini per cani: le ceneri grezze sono un sinomino di qualità scadente?

I cibi da evitare

 

Alimentazione del pastore tedesco: cibi da evitare

Alimentazione del pastore tedesco: cibi da evitare

All’interno di una corretta alimentazione del pastore tedesco, molti cibi di uso comune per gli esseri umani devono essere evitati; molti di questi sono presenti nella maggior parte delle abitazioni e il rischio di considerarli (erroneamente) innocui è molto alto. Tra questi, oltre al sale, ci sono:

Le Ossa

  • Le ossa. Sia cotte che crude, sono generalmente sconsigliate, a differenza di quanto si possa pensare; quelle cotte sono difficili da digerire e durante la masticazione si frantumano in pezzi molti piccoli che possono provocare soffocamento o occlusione intestinale; in aggiunta, le ossa di altri animali possono essere foriere di infezioni batteriche, responsabili di vomito, diarrea o stitichezza. Pertanto, in alternativa, si può optare per le ossa di pelle di manzo pressata, così da offrire al cane qualcosa da masticare in tutta sicurezza;

Aglio e cipolla

  • Aglio e cipolla. Entrambi gli alimenti potrebbero danneggiare i globuli rossi;

Dolciumi e gelato

  • Dolciumi e gelato. Lo zucchero, presente in grandi quantità in entrambi, non fa bene al pastore tedesco, così come agli altri cani: danneggia i denti, può favorire l’insorgere del diabete e un aumento del peso corporeo;

Noci e Avocado

  • Noci e avocado: questi due alimenti possono contenere un fungo potenzialmente tossico ed è quindi consigliabile evitare di includerli nella dieta del pastore tedesco.

Cerchi un cucciolo di Pastore Tedesco?

Cuccioli di pastore tedesco a pelo lungo

Cuccioli di Pastore Tedesco a Pelo Lungo

Cuccioli di Pastore Tedesco a Pelo Lungo

Cucciola pastore tedesco pelo corto

Cuccioli di Pastore tedesco a Pelo Corto

Cuccioli di Pastore tedesco a Pelo Corto

cuccioli di pastore tedesco nero

Cuccioli di pastore tedesco nero

Cuccioli di pastore tedesco nero

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *